Norma ISO 14090 e imprese: adattamento e
contrasto al cambiamento climatico

Il cambiamento climatico è una problematica che non può più essere trascurata. La norma ISO 14090 rappresenta uno strumento fondamentale che consente alle imprese di realizzare un efficace piano di adattamento ai cambiamenti climatici, di evitare i costi legati ai rischi di tali cambiamenti e, soprattutto, di dirigersi verso un’economia più sostenibile.

INTRODUZIONE

L’attuale modello di produzione non è un modello sostenibile poiché utilizza molte più risorse naturali di quelle di cui si dovrebbe disporre. Questo uso eccessivo delle risorse naturali provoca un accumulo di rifiuti e inquinamento, i quali hanno degli impatti e delle conseguenze rilevanti sul cambiamento climatico e sulla proliferazione di virus.

Le misure finora poste in essere per rallentare il fenomeno del cambiamento climatico, sul quale si discute ormai da decenni, non sono state efficaci e, la pandemia causata dalla diffusione del COVID-19, rappresenta una chiara testimonianza dell’erroneo rapporto che l’uomo ha nei confronti dell’ambiente che lo circonda.

Ultimamente si è avvertita una mancanza di coordinazione globale e di meccanismi di responsabilità finalizzati al contrasto di questi fenomeni per ridurne i rispettivi rischi, ed è proprio su questa tendenza che è stata sviluppata la norma ISO 14090.

ISO 14090: caratteristiche finalità della norma e contenuto

La ISO 14090 si concretizza in uno standard generico per l’adattamento ai cambiamenti climatici e costituisce da un lato uno strumento che permette alle imprese di identificare e gestire i rischi, predisponendo efficaci piani di adattamento, dall’altro consente di cogliere le opportunità di mercato che il cambiamento climatico può offrire.

La norma prevede attività progressive e allo stesso tempo garantisce flessibilità, in modo da consentire a qualunque impresa la realizzazione di azioni di adattamento ai cambiamenti climatici in linea con le proprie esigenze:

  • valutazione degli impatti e delle opportunità
  • pianificazione all’adattamento
  • implementazione
  • monitoraggio e valutazione
  • attività di reportistica e comunicazione

Nella prima fase di valutazione l’impresa raccoglie e documenta i dati e procede alla valutazione dell’impatto, nella quale vanno adottati anche parametri aggiuntivi a quelli climatici, che, comunque, hanno un diretto riflesso sul ciclo produttivo. Successivamente viene redatto un piano di adattamento nel quale vengono evidenziate le azioni più in linea con le priorità stabilite. Infine, viene redatto un report rivolto alle parti esterne all’organizzazione nel quale si indica in che modo è stato realizzato l’obiettivo di adattamento ai cambiamenti climatici.

Conclusioni

La norma ISO 14090 funge da supporto alle imprese per riconoscere le opportunità che i cambiamenti climatici possono generare, a partire dai nuovi mercati emergenti e dalla sensibilità che i consumatori hanno sviluppato nei confronti dell’ambiente. L’impresa potrà così beneficiare di un migliore risvolto reputazionale ed economico.

 

Per maggiori informazioni o per avere una consulenza contattami gaigher@agevolaimprese.com

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani sempre aggiornato!

Articoli recenti
Menu