Oggi conosceremo la Legge di Stabilità e andremo ad analizzarne alcuni punti aspetti fondamentali.

Valuteremo insieme tutti gli aspetti che, in termini di Agevolazioni, ti interessano di più e capirai come utilizzarli in maniera proficua per la tua azienda già da oggi.

Per evitare un articolo prettamente tecnico che può risultare complicato andrò a iper semplificare alcuni concetti: quello che mi interessa è che rimangano le informazioni fondamentali che puoi applicare già da subito.. per tutto il resto c’è “Google”..

Possiamo dire in maniera sintetica che ogni anno il governo stabilisce una pianificazione e si mette un obbiettivo ben preciso per quello che riguarda lo sviluppo dell’economia italiana: vengono presi in considerazioni tutti gli aspetti ad essa legati e riguarda sia aziende che privati. Ovviamente noi ci concentreremo sulla seconda parte..

Ogni anno vengono definiti una serie di obbiettivi di crescita, con relativo piano di attuazione, che devono essere accettati dallo Stato e per esempio quest’anno il 23 Dicembre 2017 è stato approvato il piano per il 2018.

Cosa significa?

Questi obiettivi prevedono tutta una serie di incentivi e di contributi per le aziende e funziona sostanzialmente così: c’è un massimale totale di denaro che si decide di erogare alle imprese e questo viene suddiviso per le varie categorie e tipologie di aziende, per le varie agevolazioni e anche per le zone geografiche.

Quindi se tu fai parte di una certa categoria che è stata definita avrai diritto a ricevere un tot di contributi. Per esempio, fai parte del settore produttivo? Ci sono questi incentivi per te! Hai l’azienda in Sicilia? Ci sono questi contributi! Hai un’azienda a partecipazione femminile? Eccoti serviti i tuoi vantaggi. Ogni anno milioni e milioni di euro sono li sul piatto e non aspettano altro che entrare nelle tue tasche.

A noi cosa interessa nello specifico e perchè molte aziende non sfruttano la Legge di Stabilità?

Tra le varie agevolazioni stanziate per il 2018 assume senza ombra di dubbio un’importanza assoluta il fattore continuità.

Per quanto riguarda il Fondo di Garanzia per esempio, sono stati dedicati 300 milioni di euro e sono stati fatti dei cambiamenti sostanziali sia nella modalità di accesso sia negli aiuti concreti che arriveranno alle aziende!
La nuova riforma del Fondo è oggetto del mio intero secondo libro quindi è impossibile per me riassumere tutto in poche righe; comunque all’interno di ogni numero del Coin – l’unico mensile in Italia dedicato alle Agevolazioni per la tua impresa (per abbonarti clicca qua)

troverai una rubrica dedicata dove parlerò ogni volta di un particolare aspetto del Fondo e lo approfondirò per permetterti piano piano di capirne le logiche che ci stanno dietro..
Il concetto generale è che da oltre 10 anni vengono erogati milioni di euro solo per questa specifica agevolazione..

Parlando ancora di continuità per quello che riguarda la Legge di Stabilità, è assolutamente fondamentale parlare anche della proroga della legge Sabatini per la quale sono stati stanziati altri 330 milioni. Per un certo periodo sembrava che non avessero nessuna intenzione di rifinanziarla e invece alla fine lo hanno fatto e questa per te è un’ottima notizia!

Personalmente nel 2017 la Sabatini è stata la colonna portante della mia consulenza e circa il 90% dei miei clienti ha potuto accedervi.
La Sabatini non è altro che un contributo a fondo perduto che si applica ad un finanziamento alle PMI: ti permette in di acquistare un macchinario strumentale all’impresa usufruendo di un finanziamento agevolato dell’intero importo, tramite banche e società di leasing convenzionate con il Ministero dello Sviluppo Economico. Il contributo è pari all’ammontare degli interessi, calcolati su un piano di ammortamento con rate semestrali, al tasso del 2,75% annuo per 5 anni.
Questo tasso diventa addirittura del 3,57% se il bene strumentale che acquisti fa parte di industria 4.0 e quindi soddisfa determinate caratteristiche innovative.

Parliamo poi di altre due proroghe veramente interessanti ovvero quella del super ammortamento al 130% e l’ iper ammortamento al 250%.

Il super ammortamento è una disposizione finalizzata ad incentivare gli investimenti in beni materiali strumentali nuovi, attraverso una maggiorazione percentuale del costo fiscalmente riconosciuto dei beni medesimi, in modo da consentire, ai fini della determinazione dell’IRES e dell’IRPEF, l’imputazione al periodo d’imposta di quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria più elevati. In buona sostanza il super ammortamento consente di abbassare le tasse.

Allo stesso modo l’iper ammortamento che è un’agevolazione che consiste in una maggiorazione (figurativa) del costo di acquisizione del bene ai soli fini della determinazione delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria. In questo caso parliamo del 250% e il bene di riferimento deve appartenere al mondo di industria 4.0.

La cosa da tenere presente di queste proroghe è che rendono gli imprenditori molto più tranquilli e sereni nella pianificazione degli investimenti. Fino a dicembre 2017 sembrava che alcune agevolazioni fossero al termine e quindi se non facevi tutto entro i primi di gennaio non potevi avere i contributi. Oggi invece grazie alla continuità che è stata data a certe agevolazioni ci sono anche diversi miei clienti che potranno avere molte migliaia di euro in più per questo 2018.

Attenzione però a non peccare di “troppa tranquillità” ovvero di prendersi con troppa calma nel fare le cose. Ricordiamoci sempre che quando si ha a che fare con le banche e gli enti pubblici ci sono tempi biblici perciò quello che faccio sempre con i miei imprenditori è una pianificazione fiscale/aziendale molto mesi prima per arrivare preparati quando serve. Anche perché, come ho detto più volte, quando vai in banca ci devi andare quando non ne hai bisogno.. perché quando ne hai bisogno è troppo tardi e non puoi più dettare le tue condizioni ma sei costretto ad accettare le sue..

Da notare: tra le altre agevolazioni spicca sicuramente quella del Credito d’imposta al 45% che sta portando anche aziende del nord ad investire a sud.
Questa è un’ agevolazione molto interessante e ancor più di altre è fondamentale inserirla all’interno di una pianificazione finanziaria adeguata.

Avere del credito d’imposta da portare all’anno dopo ti permette di avere una compensazione di imposta che tradotto in termini pratici significa PIU’ SOLDI CHE RIMANGONO NELLA TUE TASCHE.

Avere il credito è fondamentale e siamo d’accordo ma che senso ha pagare il denaro 10 se con il Credito d’imposta lo stesso denaro lo puoi pagare molto meno?

Quello che dico sempre agli imprenditori è di tenere gli occhi aperti e di affidarsi sempre ad un esperto che possa dire loro queste cose.

Tieni in tasca i tuoi milioni con il Leader delle Agevolazioni!

Devi essere connesso per inviare un commento.

Un offerta su misura per la vostra impresa

Ai professionisti che hanno espresso il loro interesse verso la Transizione 4.0 in occasione dell’ultima edizione di Save Verona, Agevola propone un’offerta dedicata.

Per essere contattati da un consulente esperto del nostro team, è sufficiente compilare il form.

* campi obbligatori