Anche tu sei stanco di dover perdere tempo a telefonare continuamente alla banca per capire a che punto è la tua pratica di richiesta del credito?
Per poi magari scoprire che dopo diverse settimane è ancora sulla scrivania del tuo gestore e non ti hanno nemmeno censito?

Nella mia carriera ne ho sentite davvero di tutti i colori.
Per giustificare i ritardi dell’erogazione credito ho sentito le peggio scuse.

Dal “c’è stato un esubero di richieste in questi giorni” al “non c’è ancora stato il tempo di protocollare la sua pratica”.
Anche se credo che la più assurda sia che “è cambiato il direttore e dobbiamo rifare tutte le istruttorie da zero”.
Ok, può anche capitare.
Ma quante volte può cambiare in una settimana il direttore DELLA STESSA banca?

Queste cose mi fanno sorridere (amaramente) ma non mi fanno preoccupare per niente.

—> perché io conosco il segreto per fare in modo che la banca sia obbligata per legge ad erogarti il denaro in tempi brevi e a determinate condizioni vantaggiose.

Senza inondarti di nozioni tecniche di cui non te ne frega nulla, adesso ti darò qualche informazione molto importante che è bene che tu conosca per non rischiare di cadere nella trappola che io chiamo “delle pratiche che prendono la polvere”.

PRIMA INFORMAZIONE:

Quando chiedi un finanziamento al quale è associata un’Agevolazione, la banca è costretta a deliberare ed erogare in termini ben precisi dettati dai parametri dell’agevolazione stessa.

—> il credito quindi ti sarà concesso più velocemente rispetto alla media.

In questo caso la banca non si può appellare a nessuna scusa, anche perché se vogliamo ha ben due ragioni per cui non può commettere errori.

La prima è che se per qualsiasi motivo non dovesse rispettare le tempistiche si troverebbe a non poterti erogare il credito e dal momento che il business della banca è proprio quello sarebbe senza dubbio un danno.

Ma la seconda ragione, che è quella più importante, è che sarebbe costretta a comunicare al ministero il PERCHE’ non ha rispettato i tempi.
Non tutti lo sanno, ma come le aziende anche le banche hanno un rating che gli viene definito dalla Banca d’Italia.
Se la tua banca si trovasse a prenotare i tuoi fondi e poi per qualsiasi motivo non arrivasse ad erogarti il credito, il suo rating non ne gioverebbe per nulla.

Senza considerare che si troverebbe in difficoltà nelle prenotazioni future, e ti assicuro che non è una posizione che vuole raggiungere.

Quindi in buona sostanza grazie alle agevolazioni SEI TU che detti i tempi alla tua banca e non viceversa.
Ovviamente sei tu tramite dei termini di legge precisi.

Tieni sempre e comunque presente che ci sono delle tempistiche fisiologiche che devono essere rispettate, quindi scordati di usare questa informazione per fare la voce grossa per investimenti Last Minute.
FAI SEMPRE PIANIFICAZIONE.

SECONDA INFORMAZIONE:

Abbiamo visto che quando la banca fa l’istruttoria valuta determinate cose come ad esempio settore di riferimento, bilanci, cerved, centrale rischi, come ti comporti nei confronti del credito, e altre componenti che ho descritto in questo articolo —> http://www.agevolaimprese.com/cosa-guarda-la-banca-quando-chiedi-un-finanziamento-e-perche-e-importante-che-tu-lo-sappia-prima/

L’informazione aggiuntiva è che la Banca valuta molto bene anche l’importo che tu chiedi, non ci vuole un matematico per immaginare che se chiedi 1.000.000 è diverso dal chiedere 100.000 euro e probabilmente avrai bisogno di garanzie diverse.
L’agevolazione diventa importante perché se ad esempio mi da dei contributi a fondo perduto, fa si che la banca me li dia più volentieri questi soldi che chiedo, che siano 1.000.000 o 100.000. (posto che come detto prima stiamo parlando di due pratiche molto diverse tra loro).

Poniamo il caso che io abbia chiesto 100.000 euro e abbia un contributo agevolato di 20.000, la cosa fondamentale da sapere è che la banca valuta la pratica sugli 80.000 rimanenti.

Dal punto di vista tecnico mi fa ovviamente l’istruttoria sulla richiesta da 100.000 euro, ma di fatto sostanzialmente sa che il RISCHIO che corre è sugli 80.000.

e quello che conta in questo caso è il rischio che sta correndo a prestarti quei soldi.

A parità di condizioni è più facile che la banca mi conceda 100.000 o 80.000 euro?
E’ più facile che mi conceda 1.000.000 o 800.000 euro?

Tra l’altro come puoi vedere nell’articolo “come ottenere fino al 20% di contributi EXTRA per un unico investimento” ti sarai reso conto che in determinate condizioni arrivi ad avere un abbattimento del rischio banca anche di oltre il 50%.

TERZA INFORMAZIONE:

La maggior parte dei contributi sono legati sempre alla rendicontazione e non alla domanda.

—> per questo motivo, siccome la rendicontazione dura in media 5 anni, è tutto interesse del cliente PAGARE LE RATE PER TUTTA LA DURATA DEI 5 ANNI perché altrimenti non ottiene il contributo.

E questo è un elemento in più di sicurezza per la banca.

Teniamo in considerazione infatti che, quando di mezzo c’è un agevolazione, il cliente è costretto a tenere il bene strumentale per tutta la durata del finanziamento/leasing altrimenti perde parte del contributo.

E’ quindi più improbabile che l’azienda non paghi le rate/canoni di leasing e questo la banca lo sa, ed ecco che è più facile che eroghi credito all’azienda che applica anche un’agevolazione sull’investimento.

Detto ciò, capisci bene che anche solo con queste tre informazioni che hai appena letto – e ti assicuro che sono solo la punta dell’iceberg – puoi velocizzare e semplificare di molto il tuo accesso al credito.

Prova ad immaginare cosa potresti ottenere per la tua azienda abbinando una pianificazione corretta ad un utilizzo massivo delle Agevolazioni.
Ci sono degli strumenti incredibili che possono essere utilizzati per costruire soluzioni su misura che stanno aspettando solo te.

 

MA QUESTE INFORMAZIONI SONO SOLO TEORIA?

Chiedilo a Michela, che più di altri può confermarti quanto ho scritto.

A volte basta davvero poco: le informazioni giuste, i consulenti giusti, e la voglia di affidarsi ai professionisti veri.

Tieni in tasca i tuoi milioni con il Leader delle Agevolazioni!

Devi essere connesso per inviare un commento.

Un offerta su misura per la vostra impresa

Ai professionisti che hanno espresso il loro interesse verso la Transizione 4.0 in occasione dell’ultima edizione di Save Verona, Agevola propone un’offerta dedicata.

Per essere contattati da un consulente esperto del nostro team, è sufficiente compilare il form.

* campi obbligatori